Hawaii – Oahu

 

Domenica 4 settembre – Da Los Angeles a Oahu (Honolulu, Waikiki)

Ci svegliamo alle 4:45, facciamo una breve colazione in camera (con ciò che ci eravamo portati da casa… la colazione inclusa apre più tardi!), ci facciamo portare dalla navetta e alle 5:40 siamo in aeroporto. Facciamo un veloce check in per consegnare il bagaglio e poi passiamo i controlli di sicurezza (per la prima volta passiamo attraverso i body scanner…). Il volo Hawaiian Airlines parte alle 8:55 e arriva ad Honolulu alle 11:30. L’aereo è molto bello, praticamente nuovo, ed abbiamo anche mangiato bene!
La vista delle Isole Hawaii dall’aereo è emozionante… Dopo una organizzazione durata mesi, ore per cercare gli orari degli aerei, i posti dove dormire senza spendere troppo ecc ecc… Insomma trovarsi li è una bella soddisfazione!
L’impatto con l’aeroporto di Honolulu è una bella sorpresa: qui i corridoi sono aperti, c’è un giardino in mezzo all’aeroporto, il caldo è piacevolissimo e ci sono un sacco di giapponesi e tratti somatici diversi. Con la navetta di Roberts Hawaii  arriviamo a Waikiki, e scendiamo proprio di fianco al nostro hotel, il Royal Grove Hotel. L’aspetto è spartano ma è comunque carino e comodissimo per girare a Waikiki. Il letto è comodissimo!
Nel pomeriggio andiamo sulla spiaggia, che è piccola ma piena di gente e ci sono un sacco di surfisti. E’ tutto così inusuale che è decisamente affascinante! A piedi raggiungiamo l’Ala Moana Center, che è un enorme centro commerciale dove ceniamo e poi, sempre a piedi, torniamo verso l’hotel. Waikiki sarà anche piena di gente e negozi, ma è uno spettacolo. Passeggiare per le vie, osservare la gente, guardare i negozi con il clima hawaiiano è una bella sensazione. E poi, li vicino c’è comunque il mare!

   

 

Lunedì 5 settembre – Oahu (Diamond Head, Hanauma Bay)

Per visitare Oahu non noleggiamo auto ma giriamo in autobus, dato che il servizio è molto buono (forse un po’ lento…) e comunque a Waikiki il problema del parcheggio è reale!
In mattinata andiamo a Diamond Head. Il percorso dentro il vulcano fin sulla cima non è tanto gradevole: è pieno di gente e ci sono dei tratti decisamente stretti. Comunque la vista dalla cima è spettacolare, si vede tutta Waikiki e buona parte dell’isola e delle montagne.
Nel pomeriggio andiamo ad Hanauma Bay, una baia spettacolare, un po’ affollata nonostante l’ingresso a pagamento, ma il posto per il telo si trova. La barriera corallina di fronte alla spiaggia ha visto momenti migliori ma si possono ancora vedere bei pesci e pure le tartarughe marine.

 

Martedì 6 settembre – Oahu (Tempio Byodo-In, Kailua Beach)

In autobus raggiungiamo il Tempio Byodo-In . Il viaggio è un po’ lunghetto, sono necessari 2 cambi, ma alla fine è una gita piacevole. Il tempio è molto suggestivo, soprattutto quando ci sono poche persone: quando arriva il bus della gita organizzata è meglio andare…
Sempre in autobus ci spostiamo a Lanikai: la spiaggia è veramente bella, l’acqua cristallina e si può fare il bagno con tranquillità.

 

 

Mercoledì 7 settembre – Oahu (Pearl Harbor, USS Arizona Memorial)

Oggi facciamo la gita a Pearl Harbor per visitare lo USS Arizona Memorial . Come al solito ci spostiamo in autobus (questa volta lo spostamento è comodo). Appena entrati prendiamo il biglietto per visitare il memorial. E’ meglio procurarselo subito in quanto c’è scritta sopra l’ora in cui si potrà salire sul battello che ci porta fino al memorial. Nell’attesa è possibile visitare alcune mostre sulla seconda guerra mondiale, un sottomarino e si possono vedere munizioni varie (siluri, …). E’ molto bello il panorama sul porto. Con il battello poi ci portano poi al memorial dove sono ancora visibili pezzi della USS Arizona affondata nel corso dell’attacco del 7 dicembre 1941.
Terminata la visita (forse un po’ lunga a causa dell’attesa per il battello) torniamo a Waikiki per sistemarci un po’ ed andare allo spettacolo Magic of Polynesia . Lo spettacolo è divertente, ci sono dei balletti tipici e poi lo spettacolo “magico” che a volte lascia a bocca aperta. Meglio evitare il pacchetto con cena inclusa: certo, si è seduti più vicini al palco, ma costa caro e si mangia male (così dicono…)

 

Giovedì 8 settembre – Da Oahu a Kauai

Al mattino aspettiamo il bus navetta  che avevamo prenotato da casa. E’ arrivato in orario all’indirizzo del nostro hotel e in circa 30 minuti siamo in aeroporto. I controlli sono veloci, e con neanche un’ora di volo siamo a Kauai.
 
Torna a Los Angeles – Griffith Observatory, Venice e Manhattan Beach
Vai a Kauai