Weekend nelle Langhe

Periodo: 26 – 28 marzo 2010
Mezzo di trasporto: auto
Spesa per persona: 200 € circa
Guida: a naso…

Introduzione
Abbiamo bisogno di evadere un po’ dal solito quotidiano… le Langhe sembrano un ottimo posto!

Diario

26 marzo – BellaVita di Alessandria
Alle 10 partiamo in direzione di Alessandria, anzi per essere precisi in direzione di Spinetta Marengo, per passare il pomeriggio al Bellavita.
Facciamo l’ingresso per la zona acqua e relax, con il quale sguazziamo un po’ nella piscina tropicale e ci cuociamo nella sauna e nel bagno turco. Mia moglie si dedica anche un bel massaggio rilassante da 50 minuti.
Alle 17 circa partiamo in direzione di Alba. Dopo circa un’ora raggiungiamo l’agriturismo che abbiamo prenotato da casa: Cascina Barac.
Il posto è splendido e l’agriturismo eccezionale, veramente bello.
Per cena andiamo alla Trattoria Risorgimento di Treiso: anche qui grandi soddisfazioni!
Dopo cena l’abbiocco è impetuoso… notte!

27 marzo – Alba e dintorni
Facciamo una colazione buona ed abbondante intorno alle 9.30 e poi andiamo ad Alba, che dista circa 10 minuti in auto. La città è carina, c’è il mercato ed è un po’ un casino, ma accettabile.
Alle 12 alla stazione recuperiamo Giulia, la sorella di mia moglie, e poi via verso Grinzane Cavour. La strada è panoramica, ed il paesino veramente bello, con uno splendido castello. Pranziamo nella trattoria ai piedi del castello (anche qui ottimo) poi proseguiamo verso Barolo. Dopo una breve passeggiata raggiungiamo La Morra, da dove si gode una vista eccezionale.
Da qui andiamo a visitare le rovine romane di Augusta Bagiennorum per poi proseguire verso Bra, dove facciamo 2 passi in centro e ci concediamo un gelato eccezionale!
Torniamo al nostro agriturismo, ci sistemiamo e torniamo ad Alba, dove ceniamo.

28 marzo – Alba e dintorni e ritorno a Biella
Dopo la solita colazione ottima ed abbondante visitiamo ancora alcuni paesi vicini: Barbaresco, Neive e Mango. In questo ultimo paese si trovano targhette con riferimenti alle vicende del Partigiano Johnny.
Pranziamo in una trattoria a Neive e poi torniamo a casa.

Conclusione
Le Langhe sono veramente un posto piacevole. Viene proprio voglia di fare le cose con calma e gustarsi tutto, dall’aria al panorama alle prelibatezze della cucina e del vino.

Tagged with